Auguste Escoffier

Georges Auguste Escoffier - Aromaweb

Georges Auguste Escoffier (Villeneuve-Loubet 28 ottobre 1846 – Monte Carlo 12 febbraio 1935) è stato un cuoco francese, autore di vari libri.

Iniziò a lavorare a 13 anni come apprendista nella trattoria di uno zio a Nizza. La imparò le basi del mestiere di ristoratore, dal servizio alla cucina. Nel 1865 è a Parigi, al Petit Moulin Rouge. Nel 1870, durante la guerra franco-prussiana era capocuoco al Quartier generale dell’Armata del Reno, e divenne cuoco del generale Mac Mahon fatto prigioniero a Sedan. Dopo Sedan Escoffier se ne tornò a Nizza per una stagione, ma nel 1873, passata la Comune, era di nuovo nella capitale, ormai capocuoco al Petit Moulin Rouge, divenuto di gran moda e frequentato fra gli altri da Gambetta, dal Pricipe di Galles, da Sarah Bernhardt, oltre che dal suo antico datoreMac-Mahon. nel 1887, a 30 anni, apriva il suo primo ristorante a Cannes, Le Faisan Dorè. Nel 1884 fondò la rivista L’Art Culinaire (che viene ancora pubblicata con il nome La Revue Culinaire), e nel 1885 pubblicò Fleurs en Cire (fiori di cera), e iniziò la collaborazione con Cesar Ritz (fondatore della omonima catena internazionale di alberghi di lusso). Fino al 1888 gestirono insieme la stagione invernale al Grand Hotel di Montecarlo e quella estiva al Gran National di Lucerna. Nel 1890 Escoffier assunse la direzione delle cucine del Savoj di Londra,diretto da Ritz, centro della mondanità internazionale dell’epoca. Escoffier seguì poi Ritz fondando il proprio Hotel Ritz a Place Vendome a Parigi, poi tornò a Londra come Maitre del Caralton e vi rimase fino al 1920. A fianco di Ritz, Escoffier era diventato anche un efficentissimo organizzatore di servizi di ristorazione, oltre che un gran propugnatore della cucina francese nel mondo. Organizzò così il servizio ristorante dell’Hamburg Amerika Lines e il Ritz di New York, ma anche i Diner d’Epicure, sulla scia della nuova rivista Le Carnette d’Epicure, pubblicata tra il 1911 e il 1914. Il piacere della scrittura lo accompagnò sempre. Si vedano, oltre agli scritti già citati:

  • La Guide Coulinare uscita nel 1903, ancora pubblicata ai nostri giorni
  • Nel 1912 la Guida fù arricchita da un Libro dei menù
  • Ma Cousine, monumento finale del 1934

Escoffier fù decorato della Legion d’Onore nel 1920 e nominato ufficiale nel 1928. Morì a quasi 90 anni a Montecarlo.