Nutrizione

L’Inulina

Carciofo Di Gerusalemme, Erdbirne
Rizomi di Topinambur, fonte di Inulina

L’Inulina è stata scoperta nel 1804 dallo scienziato tedesco Valentin Rose. Scoprì questa sostanza dall’Inula Helenium da cui viene il suo nome. L’inulina è un carboidrato, sotto forma di fibra solubile ricavata dalle radici e dalle parti aeree di piante erbacea, soprattutto della famiglia delle asterace. Nonostante sia una fibra, quindi indigeribile per l’uomo, ha caratteristiche nutraceutiche (nutritive e farmaceutiche) molto importanti. Appartiene alla classe dei preibiotici, ovvero una sostanza di origine vegetale non digeribile, ma capace di stimolare la crescita e la funzionalità dei microrganismi (batteri) “buoni” dell’apparato gastrointestinale, quindi ha la capacità di favorire la digestione, regolarizzare la funzionalità intestinale ed è un ingrediente tipico di molti integratori alimentari. Questa fibra viene estratta soprattutto dalla radice di cicoria, di scorzanera, dal tartufo bianco e dai tuberi di dalia e di topinambur, ma ci sono anche diversi alimenti che contengono questo carboidrato, come: aglio, porro, banane, pomodoro, carciofi, cipolle, asparagi, frumento, orzo, segale, ecc.. E’ un oligosaccaride, questo vuol dire che è uno zucchero semplice formato da poche unità di monosaccaride, è poco calorico ed ha un indice glicemico molto basso.

Effetti positivi dell’inulina

Ad essa vengono attribuiti molti effetti positivi, quali:

  • Facilitare la digestione
  • L’aumento della massa fecale e del numero di evacuazioni
  • Accrescimento dei batteri benefici (bifidobatteri e lattobacilli) e l’ostacolazione di microrganismi pericolosi (salmonella, listeria, ecc..)
  • Aumento dell’assorbimento di calcio, ferro e magnesio a livello dell’intestino, perché favorisce l’attività dei batteri lattici
  • Non aumenta la glicemia ed è adatta anche all’alimentazione dei diabetici
  • Possibile effetto positivo sulla riduzione di colesterolo negli alimenti e trigliceridi nel siero
  • Possibile effetto protettivo nei confronti di malattie infiammatorie e del cancro al colon
  • Favorisce la perdita di peso

Perché e come si usa

L’inulina non è un ingrediente che viene adoperato nella quotidianità casalinga. Viene utilizzato come integratore per ripristinare la carica batterica intestinale danneggiata a seguito di terapie antibiotiche o come leggero lassativo, per soggetti affetti da stitichezza. E’ un ottima alternativa allo zucchero bianco, non influenzando gli zuccheri sanguigni (soprattutto per i diabetici). L’inulina può essere un alleato anche nella fase della menopausa. Sotto forma di additivo alimentare viene aggiunta negli alimenti per migliorarne il sapore e la struttura (soprattutto nei prodotti di pasticceria), o come infuso tramite le foglie. Viene utilizzata anche in cosmetica, soprattutto per quanto riguarda pelle e capelli, rendendo più morbidi e lisci i capelli crespi e sfibrati, idratando la pelle e proteggendo quest’ultima ed il cuoio capelluto dai danni causati dall’esterno.

Eventuali controindicazioni dell’inulina

L’uso dell’insulina è controindicato in caso di ipersensibilità alla sostanza. Non risultano condizioni in cui l’assunzione di integratori e supplementi alimentari a base di questa sostanza potrebbero interferire con l’assunzione di farmaci o di altre sostanze. Solo un assunzione eccessiva di questo carboidrato potrebbe causare meteorismi, dolori intestinali ed altri disturbi della digestione.

L’inulina ci aiuta a mantenere il nostro intestino sano e pulito, un organo fondamentale per il nostro benessere che spesso trattiamo poco bene.

1 pensiero su “L’Inulina”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...